Tabacco italiano

Tabacco Virginia

Virginia

Il Virginia è un tabacco con foglie di ampia paginatura, di colore che va dal giallo limone all’arancio carico o addirittura al marrone chiaro, a seconda della corona fogliare. E’ un tabacco che emana un gradevole aroma dolciastro di zucchero caramellato ed ha un gusto dolce, più o meno robusto a seconda del contenuto di nicotina; la nota aromatica di fondo varia a seconda dell’origine (speziato, nutty, ecc.)

Al termine del periodo di vegetazione, il tabacco viene raccolto, di norma, meccanicamente. Al fine di ottenere dei raggruppamenti di foglie con caratteristiche omogenee, il tabacco viene raccolto, in fasi successive, per corone fogliari iniziando da quelle di inserzione più bassa e salendo verso le corone superiori, man mano che procede la loro maturazione.

La cura del Virginia si effettua con aria calda (“flue cured”) ed è articolata nelle seguenti fasi: ingiallimento, essiccazione della lamina fogliare, essiccazione della costola. Le fasi sono determinate da un progressivo aumento della temperatura e dalla riduzione dell’umidità entro le celle di cura (burn curing).

Tabacco Burley

Burley

La varietà Burley è di colorazione marrone chiaro, nocciola, nocciola carico; ha un tessuto gentile, un aroma tipico e presenta di norma elevata combustibilità. E’ un eccellente tabacco da riempimento (filler) che, a causa della struttura cellulare di tipo spugnoso, è idoneo ad assorbire facilmente le sostanze concianti ed aromatizzanti che vengono impiegate in talune miscele di tabacchi. È caratterizzato da assenza di zuccheri e da valori di nicotina che, a seconda del tipo e della provenienza, possono variare dall’ 1,5-1,8% al 4% ca.

La raccolta può essere eseguita foglia per foglia, a pianta intera o mista. La raccolta delle singole foglie permette di ottenere un prodotto con un giusto grado di maturazione. Qualunque sia il metodo di raccolta, le diverse corone fogliari devono essere raggruppate separatamente al fine di ottenere prodotti con composizione chimica e qualità organolettiche omogenee e ben definite.

La cura del Burley avviene all’aria (“air cured”) ed è prolungata nel tempo (rispetto al tabacco Virginia) per ottenere una lenta essiccazione della foglia. Una cura eseguita correttamente contribuisce a conferire al tabacco il tipico, gradevole aroma. La cura viene effettuata all’ombra, al riparo dei raggi del sole, all’interno di locali coperti e ventilati. Questi presentano finestre con chiusure regolabili per mantenere i livelli necessari di temperatura (non inferiore a 16°C) e umidità (intorno al 70%).